Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘www.foruminsegnanti.it’

Ma guarda te chi ci scrive in difesa della Gelmini!
Chi sarà mai?
E poi si dice parenti serpenti.

(Vedere commenti 6 e 7)

Annunci

Read Full Post »

(Seguito indispensabile a “Insegnanti: un esercito della parola ammutolito“)

Abbiamo il nuovo ministro(a), bisogna agire, ora o mai più.
Bisogna dire a chi è in burnout che una bella scarica di adrenalina da attivismo non può che essere salutare, a chi pensa di aver messo “il culo al caldo” che una nuova era glaciale sta per arrivare e che le tanto millantate sicurezze stanno andando a farsi benedire, a chi “tira a campà” che la meritocrazia così come paventata è una ghigliottina sotto la quale saranno i primi a soccombere (detto fra di noi manco sarebbe un male), bisogna dire ai giovani (che pochi anni fa facevano le pantere) di pensare agli anni a venire, ai vecchi di dissotterrare l’ascia e boia chi molla.
Bisogna dire a quelli di sinistra che latitano, tirandosela da intellettuali, che è ora di mettersi in gioco, a quelli di destra che gongolano, sentendosi in una botte di ferro, che i governi cambiano e che chi semina vento raccoglie tempesta, a quelli cattolici che l’ignavia è un peccato capitale.
L’unico modo per unire tutti è quello di creare un movimento trasversale, un movimento che non può che nascere dalla sinistra ma che deve essere in grado – con la logica, con la programmazione, con l’onestà – di coinvolgere anche altri pensieri.
Un movimento che non può che nascere dall’esperienza di chi ha già lottato, ma che deve essere proiettato verso il futuro, sostenendo le nuove leve e prestando loro la storia delle lotte passate, crando un giro di volano lungo che ne possa tramandare l’alchemia.
Un movimento che non può esimersi dal cercare e trovare territorio di interesse comune – e c’è, cazzo. – con un’altra grande forza, numericamente devastante: quella dei genitori.
Un movimento che non può sperare di veicolare la propria parola se non con i mezzi alternativi, con la consapevolezza che chi non è embeddato sarà altrimenti muto.
E una volta avevamo solo i ciclostili.

Su foruminsegnanti è stata aperta una nuova stanza: scuola pubblica allo scontro finale.
Se non siete ancora iscritti fatelo: è un ordine.

Scrive Maurizio, admin del forum:
Bisogna preparare insieme una forte opposizione sfruttando ogni mezzo e, se non vogliamo soccombere, ciascuno di noi dovrà assolutamente impegnarsi a fare la sua parte.
La posta in gioco è altissima, lo ripeto ancora una volta: si tratta di difendere la nostra libertà d’insegnamento ed il futuro della scuola pubblica da un attacco senza precedenti di fronte al quale non possiamo stare lì impietriti ad aspettare che ci piovano le bombe addosso. La nostra inerzia avrebbe conseguenze disatrose ed irreversibili!

Read Full Post »