Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘giornalisti’

“L’impressione è sempre più che per questa “opposizione” la scuola non sia una priorità politico-culturale. La conferma ci viene anche dagli enti locali, che con il loro disinteresse irresponsabile e cinico, con il loro silenzio colpevole stanno delegittimando una lotta che con fatica molti di noi hanno portato avanti.

Da che parte state? chiede la Boscaino alla maggioranza delle istituzioni governate dal centrosinistra.
Ma chiede anche:
-Quale occasione migliore per ribadire le prerogative delle regioni, troppo spesso scavalcate dal ministro?
-È vero che la deriva regionalista è uno dei pericoli maggiori che minaccia oggi la scuola e che bisogna combatterla?
-ma da dove partire, se non dalla legge, per affermare la certezza del diritto?
-Di cosa devono farsi portavoce gli enti locali se non di un interesse generale collettivo contro una politica di tagli che, dequalificando l’istruzione, colpisce vite e diritti?

Leggere e diffondere con urgenza questo articolo di Marina Boscaino —> LEGGI QUI

Read Full Post »

noiNO

Se pensate che il cielo azzurro, il tricolore e questo paese siano anche un pochino nostri… condividete :)
In risposta a:
noi_amiamo_silvio

via currenti calamo

Read Full Post »

Più volte su questo blog ho lanciato strali contro qualche giornalista,ma sono felice ora di segnalarne invece una da seguire. Una (bella) autorevole voce si aggiunge al coro dei resistenti.
Marina Boscaino nel suo nuovo blog propone di “osservare insieme“:

Proprio per la mia duplice esperienza – di insegnante e di pubblicista che si è occupata esclusivamente di politiche scolastiche – mi piacerebbe che questo spazio rappresentasse un ossrvatorio dal quale segnalare il modo in cui i media riflettono (sul)la scuola. Si tratta di un punto di vista interessante, se solo si pensa all’influenza che quella rappresentazione ha sulla percezione e sulla coscienza che la collettività ha del nostro sistema di istruzione e delle politiche che coloro che ci governano individuano ed applicano.

Read Full Post »

Ha ragione Maria Grazia Fiore, queste sono notizie da diffondere (ma la stampa dove sta?)
Ci sono grandi case editrici, copio il concept da Faraona, che hanno paura del digitale perché, sia visto mai, i file si possono duplicare.
E ci sono grandi editori che per festeggiare il completamento del catalogo in digitale, il cartaceo lo regalano. Agli studenti.
Grande Guaraldi.

Read Full Post »

Saranno pruderie estive, ma il tormentone di oggi è sui centimetri di coscia mostrati da Michelle Obama.

Non era mai successo infatti prima d’ora che la moglie di un presidente americano venisse fotografata in pantaloncini corti. «Vi immaginate Laura Bush o Patricia Nixon in shorts?», ha commentato il sito HuffingtonPost.com aprendo un sondaggio tra i lettori: «Michelle senza dubbio ha delle belle gambe ma è davvero appropriato che una nel suo ruolo ne faccia vedere così tante?».”

No, Laura e Patricia preferisco non immaginarle, ma la Jacqueline, durante una vacanza presidenziale qui in Italia, mostrò le lunghe gambe.
Cinquant’anni fa, e non credo che qualcuno abbia avuto da ridire.

Michelle_gambe

Read Full Post »

[…] Ma qual è l’idea che la scuola (presidi e docenti) ha del testo digitale? Sicuramente, fino a pochissimi mesi or sono, nessuna; adesso, quella divulgata sull’onda dell’avversione politica. Sindacati di base ed esperti di settore di sinistra hanno buon gioco nel demonizzare il bambino insipientemente immerso nell’acqua sporca di una riforma assurda e decostruzionista, concepita per picconare le ultime difese del diritto allo studio. Stupisce che sempre, immancabilmente, manchi il coraggio di affrontare le questioni nel merito senza trasformarle in demagogia e instrumentum diaboli.
In sostanza: quest’obbligo dell’adozione calato dall’alto senza la minima preparazione strutturale, finanziaria e culturale, è indubitabilmente scandaloso. Il principio stesso che una scelta di così ampio respiro e dalle così vaste conseguenze sia stata decisa senza una consultazione degli esperti e degli addetti ai lavori (editori, autori, docenti) e senza una larga progettualità nazionale, è umiliante. Si può senza tremore affermare che sia quanto di peggio si sia mai visto nella storia della scuola italiana. Ma la “cosa” non finisce qui, come invece vogliono far credere gli opinionisti benpensanti. Aggredire i tentativi di rinnovamento e di sperimentazione con il martello dell’ideologia è cosa che degrada e svilisce anche le migliori intenzioni.[…]

leggete tutto il post QUI.

Una discussione sull’argomento la trovate anche nel post “robe di sinistra“, e a me un anatema era già sfuggito sul post “mio nonno e la garavaglia” in seguito all’indignazione di antonio tombolini su simplicissimus.
Ma, dico, non è una questione da poco. Mica come quelle scemenze che girano in rete tipo “ma il mac è di sinistra o di destra?” (che chi ca%%o se ne frega eh, io lo uso perché sì).

Si trovano, in rete, discussioni “ebook sì VS ebook no” nelle quali comunque si argomentano problemi e rischi reali. Si trovano articoli scritti da professori competenti (Guastavigna per esempio) che vivisezionano l’ebook rivelandone le magagne (complici editori che, pur di cavalcare l’onda, sfornano 50 titoli in pochi mesi). E poi si leggono articoli, a volte pubblicati su siti che paiono autorevoli, che dimostrano tutta l’ottusità di una posizione di principio, tradita dalla pochezza delle informazioni e dalla poca competenza di chi scrive.
Non metto link, questa volta – consideratelo un compito, se vi interessa – sta a voi cercare e “pesare” le fonti…

Read Full Post »

Mi chiedo sempre più spesso come fa a lavorare per quel Giornale.
Ma non le starà un po’ stretto?
Alla Caterina Soffici, dico.
Questo, di ieri, questo di giugno, e questo di due anni fa.

Read Full Post »

Su l’Avvenire, il 23 febbraio 2008, Lodovici scrive:

[…] Ma l’esistenza di scuole non statali garantisce un principio morale
fondamentale e irrinunciabile, che non è certo di parte: la libertà
dei genitori di scegliere per i figli una scuola conforme alle proprie
convinzioni.
[…]
Ciò esige che lo Stato renda possibile una reale ed effettiva
libertà di scelta, realizzando una vera parità scolastica e
consentendo ai genitori di iscrivere i figli negli istituti più
confacenti alle loro convinzioni. Lo Stato deve cioè garantire la
possibilità che i genitori di sinistra possano mandare i figli in
scuole di sinistra, quelli liberali in scuole liberali, quelli
cattolici in scuole di ispirazione cattolica, ecc. Insomma, la posta
in gioco non è la tutela degli interessi dei cattolici, bensì la
salvaguardia della libertà delle famiglie di educare i figli secondo i
propri valori e principi, quali che siano, purché non siano principi criminali.

Buona la risposta di Stella, su il Corriere:

[…]Un papà e una mamma sono di sinistra? Hanno diritto a una scuola di sinistra. Sono di destra? Scuola di destra. Certo, c’è un problemino: «quale» sinistra? Quella bertinottiana o pecoraroscania, veltroniana o pannelliana, dilibertiana o turigliattiana? Mica facile, trovare la scuola giusta. E «quale» destra? Berlusconiana o finiana, buttiglionesca o mussoliniana, rotondiana o santanchesca? Quanta dose di simpatie trotzkiste può essere tollerabile per un bravo genitore post-diessino? Quanti fez e gagliardetti e busti del Capoccione possono essere accettati sopra l’armadio in classe da un bravo genitore liberale?
[…]
La scuola personalizzata. Su misura. Taglia 42 o taglia 58 drop sei a seconda di ciò che scelgono i papà e le mamme. E arriverebbe a compimento il percorso di un Paese dov’è ormai impossibile trovare un accordo anche sulla condivisione del punto e virgola. E dove finalmente, rinunciato una volta per tutte all’idea di una storia comune, ognuno potrebbe raccontarsi la «sua».
[…]
«E noi?», diranno i genitori leghisti. Ma certo, avanti le scuole padane. Con libri come «La storia della Lombardia a fumetti » distribuita dalla Regione. Dove c’era sì qualche sventurato strafalcione («Verso il 3000 dopo Cristo la civiltà camuna era piuttosto evoluta… ») ma in compenso i rampolli celtici potevano leggere una nuova ricostruzione del Risorgimento: «alcune manovre e piccoli intrighi, certi eroismi e strani trattati avevano portato la penisola italiana a essere un unico regno…» O manuali come «Noi veneti » che, voluto e finanziato dalla Regione guidata da Galan, non aveva una riga su pittori come Giorgione o Tintoretto, Tiziano o Canaletto né su musicisti come Vivaldi o Albinoni o scrittori come Pietro Bembo o Ruzante, ma regalava una poesia di Catullo tradotta dal latino in dialetto: «Cossa de mejo gh’è del riposarse / infin, dal peso e dal strassinamento… ».

Andate a leggere tutto l’articolo qui.

Read Full Post »

Da antidigitaldivide:

Queste offese sono arrivate dopo che la rete ha dimostrato di essere in grado di superare e scavalcare i mezzi di stampa tradizionali e organizzare una manifestazione nazionale, che ha coinvolto più di un milione di persone, senza che giornali e TV ne parlassero.

Qui Grillo non c’entra, anche se di striscio se ne parla, questi qua sfruttano la cosa per pigliarsela con noi.

Il pavido:
Filippo Facci su Il Giornale:

[…] la rete non esiste […] sono i bruti e gli informi di Nietzsche, ignoranti nell’anima, invidiosi sociali […] Presi da soli sono amebe annichilenti, in gruppo invece si fanno tipicamente squadristi, insultano, fanno mucchio…

L’incompetente:
Paolo Granzotto su Il Giornale

[…] I blog appartengono alla famiglia – molto sovrastimata – della informazione globale (mentre non c’è niente di più domestico e gruppettaro). Investiti dalla mitizzazione di Internet godono fama, fra i pirla, di essere lo specchio della verità e della correttezza nell’informazione.[…]

più una serie di cazzate che dimostrano che non ha mai visto un blog in vita sua.

Lo snob:
Giampiero Mughini

[…] il Gran Comizio di Grillo è il frutto della subcultura propria a internet, del linguaggio insolente e beffardo (ma soltanto quello) di generazioni ormai ignare del linguaggio dei giornali e dei libri, e bensì esperte in sms e e-mail che più spicce e più rozze sono meglio è. E’ il nostro tempo, certo. E’ un tempo di merda.

Questi sono dei brevi estratti.
Il resto è gustosamente irritante, prendetevi cinque minuti e leggetevi tutto.
Magari firmate.
Articoli e link di riferimento su antidigitaldivide

p.s.
@Filippo Facci, se mi legge… squadrista sarà lei.
E vada a fare in culo, per favore.

@Giampiero Mughini, se mi legge… da come si esprime direi che può scendere dalla sua torre d’avorio e provare a farci un giro in questa merda, che magari si piglia pure un malanno e si leva dalle scatole.

@Paolo Granzotto, se mi legge… mi legge? °_° orka, ha imparato ad accendere il pc!

@ai miei lettori, se mi leggete… scusate il linguaggio delle ultime righe: se si vuol essere sicuri che il messaggio sia compreso si deve usare un codice linguistico noto al destinatario.

Read Full Post »