Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2007

I tuoi preferiti ovunque

Dopo essersi organizzati ben bene i preferiti (bookmarks) ci si trova sempre a non ricordarsi dov’è “quel” sito quando siamo dall’amica, a scuola, in vacanza con il portatile o all’internet point.

Ecco la soluzione al problema: un sito che consente, registrandosi, di avere i preferiti online e di poter accedere ai nostri url archiviati e organizzati da qualsiasi computer e con qualsiasi browser.

Annunci

Read Full Post »

Dove siamo? COSA siamo (diventate)

velvet.jpg

Ma c’è da rimaner basiti.
Un bel servizio sul culo delle giornaliste su Velvet (la repubblica).
E ha un bel chiedersi blogaprogetto dove siamo. A questo punto c’è da chiedersi chi siamo, cosa siamo diventate. Siamo tutte così o sono solo le Altre?

Io dico, avrò anche passato l’età per essere orgogliosa del mio sedere, ma a quel manipolo di femmine che scrive per la repubblica, non è saltato in mente che qualcosa non va?
Come si fa a chiedere ad un gruppo di giornaliste (ma chissà come mai NON nomi conosciuti) di descrivere il proprio deretano?

E che a farlo sia proprio la repubblica?
Non saranno (forse) giovani precarie ricattabili? Nasce il sospetto di un paternalismo porcaccione da parte di un (vecchio) datore di lavoro.

Read Full Post »

Crème caramel

Ingredienti:
6 uova (2 intere e 4 tuorli)
1/2 litro di latte
una stecca di vaniglia
8 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di zucchero per il caramello

Preparare il caramello:
in un pentolino (io uso una padellina antiaderente) mettere tre cucchiai di zucchero e far scaldare con il fuoco molto basso, girando continuamente.
Quando il caramello è pronto metterlo nello stampo (o negli stampini) facendo attenzione perché è terribilmente caldo e trasmette il calore anche allo stampo.

Mettere un tegame sul fuoco con il latte e la stecca di vaniglia. Spegnere appena inizia a bollire e lasciare raffreddare.
Scaldare dell’acqua in una pentola per il bagnomaria.
Accendere il forno.
Sbattere le uova con lo zucchero zucchero e aggiungere pian piano il latte ormai solo tiepido.
A questo punto bisogna mettere l’impasto nello stampo e immergerlo in un contenitore da forno più grande.
Con attenzione versare l’acqua precedentemente riscaldata nel contenitore fino a raggiungere i 2/3 di altezza dell’impasto.

Coprire lo stampo con un foglio d’alluminio e bucherellarlo per far uscire il vapore. Non coprire lo stampo contenitore perché è bene controllare che l’acqua non bolla.
Se durante la cottura l’acqua del bagnomaria prendesse bollore aggiungere un mestolo di acqua fredda.

La temperatura del forno varia secondo lo stampo utilizzato, e così anche il tempo di cottura: un unico stampo impiega più tempo e sopporta un forno più caldo (180 per un’ora, per gli stampini 170 per 40/45 min).

Lo stesso per i tempi di raffreddamento: per lo stampo unico ci vuole almeno un’ora prima di poterlo mettere in frigorifero e almeno due ore di frigo prima di servirlo.

Read Full Post »

Donne, dove siamo?

Non dimentichiamo chi siamo, non dimentichiamo la nostra storia e, soprattutto, non dimentichiamo il nostro futuro.
Per farlo dobbiamo essere presenti al nostro presente.
Facciamolo per le nostre madri, le nostre figlie, le nostre nipoti.
Perché è vero che ciascuna di noi è diversa, ma tutte insieme rischiamo di essere… e di non esserci.
Copioincollo:

Parlo del pezzo comparso sul Financial Times che delinea le donne italiane come poverette vogliose soltanto di fare strada diventando veline o sfruttando il loro corpo.
[…]
E’ lungo da leggere, ma ne vale la pena perché fa accaponare la pelle in tutto il suo insieme […]
Quindi chi si sente chiamata in causa in prima persona potrebbe dimostrare di avere le palle o rischiare di avere la coda di paglia. O suscitare una forte invidia tra le altre donne, sentimento incredibilmente vivo in tutto il gentilsesso. Donne dove siete? Perché non protestate per essere più tutelate?
Nelle pubblicità per i detersivi e i prodotti per la casa le protagoniste indiscusse siete ancora voi, ai colloqui di lavoro vi chiedono se intendete fare figli, guadagnate meno, sulle riviste compaiono gigantografie di veline pronte a tutto pur di apparire… So bene che queste non sono le vere donne italiane, ma allora alzate la voce. Dove diavolo siete?

Leggi tutto l’articolo qui.

Read Full Post »

Altri appendiporta

appendiporta2.jpg

Come promesso, ecco altri due appendiporta.
Le istruzioni per l’uso le trovate qui

I file originali potete scaricarli qui: pupa e micio

Read Full Post »

Le sfogliatelle frolle

Mai fatte le sfogliatelle?
Bè, se vi vengono in mente le classiche sfoglie… neppure io :)
Ma le frolle sono moooolto più semplici e altrettanto “classiche” e, soprattutto, altrettanto buone.

sfogliatelle frolle

Ingredienti:
700 gr di pasta frolla (ehm.. io spesso uso quella surgelata :P)
per il ripieno:
150 gr di semolino
150 gr di ricotta
1 uovo + un rosso per spennellare la pasta
100 gr di zucchero vanigliato
100 gr di canditi (cedro a cubetti)
30 gr di acqua fior d’arancio
un pizzico di cannella
un pizzico di sale
1/2 litro di latte

Lavorare brevemente la pasta frolla e lasciarla riposare in frigo un’oretta.
Preparare il semolino portando ad ebollizione il latte con il sale e cuocendo 5 minuti, poi lasciarlo raffreddare.
Mescolare in una terrina il semolino con la ricotta e aggiungere lo zucchero, passare nel passaverdura prima di aggiungere i canditi, il fior d’arancio, la cannella e l’uovo.
Prendere una porzione di frolla grande più o meno come una clementina e stenderla, su un piano infarinato,fino ad avere uno spessore di circa mezzo centimetro. Il cerchio deve essere di circa 11/12 cm di diametro.
Depositare al centro del cerchio una cucchiaiata abbondante di ripieno e chiudere a mezzaluna ritagliando l’eccesso di pasta con la rotella per dolci.
Procedere così fino ad esaurimento della frolla e del ripieno.
Sistemare le frolle nella teglia su un foglio di carta forno e spennerlarle con il rosso d’uovo.
Infornare in forno già caldo (180/200 gradi) per c.a 10/12 minuti (dipende se il forno è a gas o elettrico, e poi voi conoscete il vs forno ;))
Lasciarle raffreddare possibilmente su una gratella e spolverlarle di zucchero a velo prima di servirle.

Read Full Post »

Appello da firmare!

Faraona segnala che su foruminsegnanti c’è una petizione da firmare.
È cosa buona e giusta, rilancio il suo appello: firmare please!

Read Full Post »

Older Posts »